spacciatori lo lanciano dalla finestra



in foto: La finestra da cui è stato lanciato il ragazzo

Una lite nata per 2mila euro e per un debito relativo all’acquisto di cocaina che è finita con un’aggressione e un ragazzo spinto con forza fuori dalla finestra, precipitando così dal primo piano. La caduta della vittima dell’aggressione è stata attutita da una pensilina in policarbonato che si trovava esattamente sotto la finestra, ma il ragazzo ha comunque riportato gravi lesioni tanto da essere sottoposto a un intervento chirurgico: per lui è stata prevista una prognosi di 40 giorni. La vicenda è avvenuta a Casamassima, comune in provincia di Bari, lo scorso primo maggio.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:
loading...

I carabinieri hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del tribunale di Bari su richiesta della procura, nei confronti di tre persone: un 20enne, un 32enne e un 53enne. Tutti e tre hanno precedenti e sono ritenuti responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti, tentata estorsione e lesioni personali aggravate. Le indagini sono state avviate a maggio, quando un ragazzo tossicodipendente di Casamassima è stato ricoverato all’ospedale di Acquaviva delle Fonti per lesioni personali superiori a 40 giorni. In seguito alle indagini svolte dai carabinieri è stato possibile stabilire che le ferite erano state provocate dai tre arrestati per motivi riguardanti lo spaccio di stupefacenti. I tre, da circa un anno, vendevano dosi di cocaina al ragazzo che però non riusciva a rispettare i pagamenti.

Da qui l’aggressione, dopo le minacce al ragazzo per costringerlo a dar loro 2mila euro, una cifra superiore rispetto a quella dello stupefacente acquistato. La richiesta è stata avanzata anche nei confronti della madre della vittima, ma la mancata consegna dei soldi ha portato all’episodio del primo maggio. Due dei tre uomini si sono presentati a casa del ragazzo, forzando la porta d’ingresso e arrivando sul pianerottolo dell’abitazione, dove il ragazzo è stato spinto fuori dalla finestra della rampa di scale. Dopo la caduta il ragazzo è stato sottoposto a un intervento il 7 maggio, con una prognosi di 40 giorni. Il gip di Bari ha deciso di infliggere la misura cautelare in carcere ai tre aggressori.



leggi l’articolo dalla fonte

loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here