cos'è e perché compare la depressione estiva


L’estate è arrivata e con lei anche le belle giornate e il caldo. Anche se molti vengono pervasi dalla voglia di uscire, di passare ore e ore in riva al mare e di divertirsi con gli amici, alcuni vanno in “controtendenza” e sprofondano in uno stato emotivo che stona con tutto ciò che li circonda. Si chiama SAD, ovvero seasonal affective disorder, meglio conosciuto come summertime sadness ed è una forma depressiva che aumenta proprio nei mesi estivi, manifestando i primi sintomi agli inizi di giugno e scomparendo nei primi giorni di settembre.

Cos’è il SAD?

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:
loading...

Il SAD, ovvero il seasonal affective disorder, è un disturbo stagionale dell’umore che colpisce le persone al cambio di stagione. Solitamente è molto comune in inverno ma sono molti quelli che soffrono di una forma estiva di depressione. Ci si sente pigri ma non si riesce a dormire, si mangia poco, si tende a dimagrire, la luce intensa fa venire il mal di testa e vedere tutti che si divertono e che pensano alle vacanze non aiuta affatto. Ci si sente sotto pressione dal punto di vista sociale, come se rimanere a casa da soli amplificasse ancora di più il senso di isolamento. Non si conosce la causa scatenante del disturbo, anche se si crede che sia provocato dall’eccessiva esposizione al sole e al caldo oppure al cambiamento del ciclo giorno-notte. Il calore infatti ha degli effetti negativi sul sonno e sull’alimentazione e finisce per creare degli scompensi nella propria routine quotidiana. Purtroppo ancora oggi la cosiddetta summertime sadness è un disturbo poco studiato e non esistono delle terapie consolidate.

Come affrontare la depressione in estate

Chi soffre di problemi di salute mentale sa bene che l’estate non fa altro che amplificare il proprio stato emotivo, soprattutto quando riparla di depressione. E’ importante però non confondere una semplice demoralizzazione causata da circostanze negative con il SAD, visto che quest’ultimo è un vero e proprio disturbo affettivo stagionale che provoca ansia, panico, paura e aggressività. In generale, si può dire che c’è una depressione per ogni stagione e la tendenza a soffrirne più o meno varia a seconda degli individui e della loro predisposizione. Cambiare le abitudini, i ritmi, allontanarsi dalle relazioni consolidate sono esperienze che in molti vivono come uno stress, facendoli cadere in una condizione emotiva di sconforto. Per evitare di peggiorare la situazione  è necessario dunque agire con buon senso, andare solo nei luoghi in cui si sente di poter portare i propri bisogni.

LEGGI L’ARTICOLO ORIGINALE

loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here